Printed From:

Una delle manifestazioni di una cattiva digestione è il senso di gonfiore addominale, ovvero una sensazione di aumentata tensione a livello dell'addome (pancia dura e gonfia), causata dall'eccessivo accumulo di gas nello stomaco e/o nell'intestino, ingestione di aria o processi fermentativi intestinali. Vediamo in dettaglio le cause e i possibili rimedi di questo fastidioso disturbo.

Le cause del gonfiore addominale

Nella maggior parte dei casi, il gonfiore addominale è un disturbo banale associato ad errori alimentari e stile di vita: a causarlo possono essere alcuni cibi, bevande gassate, la cattiva abitudine di mangiare troppo in fretta, le gomme da masticare, il fumo, lo stress o l'ansia. Tra i fattori considerati più comunemente responsabili vi sono:

  • l'ingestione di aria
  • aver mangiato troppo
  • l'assunzione di cibi dall'elevato contenuto di fibre (come la verdura e i legumi)
  • la stitichezza
  • difficoltà nel metabolismo di alcuni nutrienti (come nel caso di un'intolleranza al lattosio)
  • la proliferazione di batteri nell'intestino tenue
  • l'aumento di peso
  • un’alterazione della motilità intestinale con alterazione della distribuzione di gas nell’intestino
  • l’assunzione di alcuni farmaci (come l’antidiabetico acarbosio o medicinali contenenti lattulosio o sorbitolo)
  • il reflusso gastroesofageo
  • la sindrome del colon irritabile
  • la celiachia
  • nelle donne, fattori ormonali, sindrome premestruale e menopausa (alterazioni enzimatiche e ritenzione idrica possono rendere più difficoltosa la digestione)
  • l'insufficienza pancreatica
  • alterazioni della flora batterica intestinale (responsabile della fermentazione dei residui della digestione, in particolare gli oligosaccaridi fermentabili – Fos – e le proteine) che possono causare gonfiore producendo più gas a causa di alterazioni delle capacità digestive e di assorbimento, in particolare cattiva digestione dovuta a insufficienza pancreatica, malassorbimento associato a celiachia o di carboidrati (FODMAPs)

I sintomi

Una pancia gonfia determina alcuni tipici sintomi:

  • eruttazioni
  • flatulenza
  • dolore o fastidio addominale
  • gonfiore addominale (sensazione di pienezza o espansione dell’addome, più frequente durante o dopo i pasti)
  • dolore (dovuto a ipersensibilità gastrointestinale al dolore stesso)
  • stanchezza

Il gonfiore addominale dopo i pasti

Se il disturbo si presenta tipicamente subito dopo aver mangiato, i motivi più frequenti possono essere: un pasto troppo abbondante oppure consumato in condizioni di stress o nervosismo. Anche mangiare troppo frettolosamente - magari in pausa pranzo – non favorisce una buona digestione. Sono da evitare anche piccoli spuntini troppo grassi e speziati, come quelli spesso serviti negli aperitivi o negli happy hour, senza contare i rischi delle bevande gassate di vario tipo correlati non solo al gonfiore ma anche all’acidità di stomaco. In caso di stitichezza, l’intervento più opportuno è bere molta acqua.

I rimedi

I rimedi per ridurre o eliminare il gonfiore addominale sono molti, ma il primo intervento è la prevenzione seguendo comportamenti alimentari adeguati e una sana e corretta alimentazione. In tutti casi di gonfiore addominale, anche dopo un pasto leggero, concedersi una passeggiata da un quarto d’ora può essere il rimedio immediato più efficace. Alcuni rimedi rapidi (i cosiddetti rimedi della nonna) consistono nel consumo di alcuni alimenti, quali mela, ananas, uva e aloe vera, che favoriscono la digestione, hanno azione detossinante, attivano il transito intestinale e riequilibrano la flora intestinale. In generale, l’importante è seguire una dieta attenta nella scelta dei cibi e fare ricorso a vari rimedi naturali.

La dieta: cosa mangiare e cosa non mangiare in caso di gonfiore addominale

Vi sono alcuni alimenti che possono provocare un’eccessiva produzione di gas, con conseguente gonfiore di stomaco e addominale (Tab.1), e che devono essere evitati in caso di gonfiore già esistente.

Verdure Asparagi, carciofi, broccoli, cavolini di Bruxelles, cavoli, cavolfiore, funghi, cipolle, carote, melanzane, legumi (ceci, lenticchie, piselli, fagioli, fagiolini)
Frutta Pesche, pere
Cereali integrali Crusca, grano
Latticini Formaggio, gelato, yogurt
Bevande Succo di mela, succo di pera, bevande gassate, bevande di frutta, latte, bevande con dolcificanti artificiali
Varie Prodotti senza zucchero con sorbitolo manitolo o xilitolo, caramelle, gomme, panna montata, maionese, pasta sfoglia, pane morbido, fritture, alimenti piccanti e ricchi di grassi
Abbinamenti Latte+uova, legumi+carne
Tab.1 - Alimenti e associazioni di alimenti che favoriscono il gonfiore addominale

È utile invece assumere nella dieta alimenti che regolano o riducono la fermentazione, favoriscono l’espulsione di gas e sono ricchi di antiossidanti (Tab.2).

Frutta Mela, mirtillo
Verdura Finocchio, menta
Alimenti integrali Pasta, riso
Associazioni Proteine+verdure (non fritte)
Tab.2 - Alimenti e associazioni di alimenti che contrastano il gonfiore addominale

Qualche rimedio naturale per ridurre il gonfiore

Il rimedio erboristico più efficace contro la pancia gonfia è il carbone (vegetale, animale, officinale composto e medicato) in grado di assorbire i gas. Utili anche le piante carminative, da cui si possono trarre tisane e decotti, che agiscono eliminando i gas. Le più importanti sono:

  • cumino (attività digestiva)
  • anice (attività digestiva e antimicrobica)
  • finocchio (attività stimolatoria sulla motilità gastrointestinale e antifermentativa)
  • angelica (azione antispasmodica e procinetica)
  • menta (attività spasmolitica, digestiva e antisettica)
  • melissa (proprietà rilassanti e digestive)
  • camomilla (attività spasmolitica e antinfiammatoria)

Un buon rimedio è anche l’integrazione della dieta con prodotti naturali formulati con fibre. Tra questi:

  • agar agar
  • glucomannano
  • gomma guar
  • pectine di psillo
  • gomma Karaya

Ottimi alleati sono anche gli integratori a base di fermenti lattici oppure di frutto-oligo-saccaridi che regolarizzano la flora batterica intestinale, contrastando e prevenendo fenomeni di meteorismo e gonfiore intestinale.

Le informazioni contenute in questa pagina sono da intendersi a titolo informativo e non sostituiscono in nessun caso assistenza o consiglio medico